In giro per il Salento: un tuffo nel blu

da il 23/01/14 a 9:28 am

Una delle mille spiagge a bandiera blu della PugliaLe spiagge del Salento sono considerate tra le più belle di tutto il Paese, ed è per questo che molti italiani decidono di trascorrere le proprie vacanze estive proprio in questa zona della Puglia. Alcune di queste spiagge possono anche vantare la Bandiera Blu, un riconoscimento assegnato a livello internazionale ai luoghi gestiti in modo ambientalmente sostenibile.

Le più belle spiagge del Salento

Ad aver ottenuto il riconoscimento della Bandiera Blu sono le quattro spiagge salentine di Otranto, Melendugno, Castro e Salve, che oltre ad essere gestite in modo ecocompatibile possono vantare un invidiabile mare cristallino, pulito e trasparente.
In genere le spiagge più belle si trovano lungo la costa ionica, come ad esempio nella zona di Santa Maria di Leuca dove sono presenti numerosi lidi di fine sabbia bianca. Tra le spiagge situate nella estremità meridionale della penisola salentina si segnalano Punta Pizzo, nei pressi di Gallipoli, Torre Mozza, Torre Vado e Marina di Mancaversa. Porto Selvaggio è invece una piccola ma splendida caletta inclusa in una riserva naturale; si prosegue poi con la spiaggia di Sant’Isidoro e la famosa Porto Cesareo. Da non perdere, infine, è la Grotta Zinzulusa nei pressi di Castro Marina.

In vacanza da una spiaggia salentina all’altra

Così come in tutte le località costiere, anche nel Salento spesso le spiagge più belle sono anche le meno accessibili. Pertanto è necessario disporre di un mezzo proprio per raggiungere i lidi più incantevoli, magari quelli un po’ più distanti dai centri abitati e dagli affollati luoghi turistici. La soluzione ideale per chi non dispone di un’autovettura è quella di ricorrere ad un mezzo a noleggio, ad esempio avvalendosi delle agenzie localizzate in punti ‘strategici’ come scali aeroportuali e grandi centri abitati. Con un’auto a disposizione è possibile partire alla scoperta delle meraviglie del Salento in piena libertà ed autonomia e, in questo caso, vale la regola del “più si è, meglio è”. Infatti, se a dividere le spese si è almeno in tre o quattro persone, sarà possibile vivere una vacanza all’insegna del low cost (e del divertimento).

Immagine: Q – FotoliaSimilar Posts: